Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

aprile: 2018
L M M G V S D
« mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Tag

Pasqua 2018, l’uovo gigante di Gay-Odin è dedicato a Napoli come ‘Capitale della speranza’

Per la Pasqua 2018 è dedicato alla speranza l'uovo gigante prodotto dalla storica fabbrica di cioccolato Gay-Odin. La grandiosa opera di cioccolato che pesa decine e decine di chili è stata presentata alla stampa nella mattinata di sabato 24 marzo alla presenza, tra gli altri, dell'Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli Alessandra Clemente. Sull'uovo, come ricorda l'amministratore Gay-Odin Marisa Del Vecchio, "è raffigurato il paesaggio col Vesuvio con delle nuvolette che mostrano scritte come ‘città pulita’, ‘aria e cibo di qualità’, ‘dignità del lavoro per tutti’ e molte altre" e dal vulcano escono dei palloni, "simbolo – spiega Luigi Porcelli, coordinatore 'Momenti Azzurri' – della speranza dei tifosi nello scudetto del Napoli". 

 

I funerali a Napoli di padre Massimo Rastrelli, protagonista della lotta all’usura

Sono stati celebrati nella mattinata di venerdì 2 marzo 2018, presso la Chiesa del Gesù Nuovo in Piazza del Gesù a Napoli, i funerali di padre Massimo Rastrelli, gesuita, protagonista della lotta all’usura. In tantissimi hanno affollato la chiesa mostrando grande commozione in ricordo di un sacerdote che per molti anni ha servito numerose famiglie indebitate e strozzate dall’usura. Padre Rastrelli nel 1991 diede vita alla prima Fondazione antiusura ‘San Giuseppe Moscati’ e il suo operato ha permesso la nascita della Consulta nazionale Antiusura. La Fondazione di Napoli è ubicata in Via San Sebastiano 48 e maggiori informazioni sono disponibili sul sito antiusuramoscati.it. 

Il chiodo fisso dell’arte – Mostra antologica di Barbara Karwowska al Castel dell’Ovo

'Il chiodo fisso dell'arte' è una rubrica dedicata al mondo dell'arte e degli artisti in Campania ideata e curata da Emilia Sensale. È durata dal giorno 11 fino al 23 gennaio 2018 la mostra antologica dell'artista Barbara Ilchiodofissodell'arteKarwowska, allestita presso le affascinanti sale del terrazzo di Castel dell'Ovo. L'artista era lì, con il suo amorevole e immancabile cane Totò, pronta ad accogliere i numerosi visitatori che ogni giorno hanno passeggiato tra le sale e, tra tante foto e richieste di informazioni, hanno dimostrato di aver apprezzato la mostra. Un luogo incantevole ha dunque fatto da cornice alle opere dell'artista che ha festeggiato nel 2017 i venticinque anni di vita nella città di Napoli, dove è arrivata nel 1992 dalla Polonia.
I dipinti di Barbara iniziano dal 1991, esattamente dal ritratto della dolce nonna dell'artista, quella che lavorava all'uncinetto e ha ispirato una delle sue linee pittoriche, i Centrini. Sono tante le opere firmate Karwowska che presentano questi centrini alle spalle delle figure o tra le varie 'finestre' dei dipinti, lì dove i volti, rappresentati perfettamente dall'artista nei loro particolari e nelle loro luci e ombre, guardano chi li osserva e sembrano toccare l'anima coi loro occhi. Il percorso mostra opere come '7 giorni', dove l'artista si ritrae per sette volti che portano gli stessi abiti ma al tempo stesso sono completamente diversi, in un cammino che raggiunge la domenica e la donna lascia che il corpo si lasci andare aprendo un po' del vestito, nel sapore di una libertà finalmente raggiunta.
Affascinanti e misteriose poi le opere del 2009 dedicate al Lanificio 25, dove Barbara con grande abilità pittorica e immensa passione propone personaggi e luoghi che sembrano in un'eterna attesa. Il percorso arriva poi all'ultima idea, nata e promossa nel 2017: i Tombolati, i sette volti di persone vicine all'artista ritratti mentre mostrano a parziale copertura del viso un numeretto della tombola, riproposto più grande alle spalle del volto come se fosse un'aureola. A Castel dell'Ovo era presente il primo dei Tombolati, quello che ha dato l'idea a Barbara Karwowska: il ritratto della giornalista napoletana Emilia Sensale, che è la voce narrante di questo video ed è felice e orgogliosa di far parte del meraviglioso percorso ricco di risultati e soddisfazioni che l'amica Barbara è riuscita a costruire.
CLICCA QUI per vedere tutte le foto

 

 

Music City Hall Napoli, in Via Duomo un nuovo spazio dedicato alla tradizione musicale partenopea

Nella mattinata di mercoledì 31 maggio 2017 è stato presentato un nuovo spazio per concerti dedicato alla tradizione musicale partenopea: a cura dell'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, infatti, nasce una Music City Hall allestita nel Complesso Monumentale di San Severo al Pendino in Via Duomo, luogo dove da tempo si organizzano eventi culturali. La programmazione musicale nella Sacrestia, spazio chiuso dal 2003 e che viene così resituito alla città, partirà nel ponte della Repubblica, vale a dire venerdì 2 giugno e sabato 3 giugno, con spettacoli alle 11.30, alle 16.30 e alle 17.30 per proseguire poi sperimentalmente fino alla fine di luglio. 

 

Instagram