Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Tag

Archivio della categoria 'Ufficio Stampa'

‘O rraù e altre bontà al Ristorante Bellini di Napoli

eventoragubelliniDefinirlo "sugo che si ricava dalla cottura, da effettuare per molte ore a fuoco basso, di carne e pomodoro" significa offendere una delle perle della cucina napoletana. Il ragù, o meglio 'o rraù, ha una ricchezza culturale nel suo sapore che poche parole non riescono a descrivere. La caratteristica essenziale del ragù napoletano è proprio la seguente: addà pippià. ‘Pippiare’ è un verbo da tradurre come “cuocere a lungo tempo a fiamma molto bassa”, mostrando degli “sbuffi” in superficie.

La storia comunemente diffusa in merito alla nascita del ragù afferma che il suo antenato è un piatto medievale provenzale che proponeva varie parti di carne di montone cotti lungamente in un recipiente di creta: il nome di questa antica bontà era ‘ragout’, che a sua volta deriva da altri termini che significano ‘appetitoso’. Solo nel Settecento la cucina napoletana accolse questa tradizione, il pomodoro mancava dalla ricetta ma abbiamo le prime testimonianze di uso di pasta, i famosi maccheroni, per accompagnare il sugo ricavato dalla cottura; solo nel XIX secolo il pomodoro, ingrediente venuto molti anni prima dalle Amiche e sempre più apprezzato dalla popolazione, cominciò ad accompagnare il gustoso piatto.

Il Ristorante-Pizzeria Bellini ha deciso di onorare alcuni piatti secolari della tradizione partenopea organizzando una serata tutta dedicata a ‘o rraù e altre prelibatezze. L’evento si terrà nella serata di martedì 13 dicembre 2016 presso il locale ubicato in Via Costantinopoli 80, nel Centro Storico di Napoli. Il menu, dal costo di 20 euro a persona, prevede: mezzani al ragù napoletano, polpette con friarielli, fetta di pastiera, acqua e calice di vino. È gradita la prenotazione e si può indicare la propria presenza all’evento chiamando il numero 081459774. 

Nasce al Ristorante Bellini di Napoli la Pizza Mura Greche in onore del sito archeologico di Piazza Bellini

di Emilia Sensale 

NAPOLI – Amare qualcuno o qualcosa vuol dire prendersene cura. Essere indifferenti nei confronti del benessere di una realtà diversa dalla nostra, trascurare, non rispettare è invece sintomo di disinteresse e dunque di non amore. È l’attenzione a fare la differenza: dove c’è, ovviamente in maniera sana e non come ossessione, c’è indiscutibilmente volontà di migliorare e consolidare la realtà strutturale di una certa realtà o persona.

In una città come Napoli, ricca di luce e con qualche ombra, l’amore è palese ad esempio nel desiderio di tutelare tutto il suo maestoso patrimonio culturale. Piazze, monumenti, siti archeologici, paesaggi naturali e antichi palazzi che si stagliano tra residenze moderne sono meraviglie spesso sottoposte all’incuria figlia del tempo e dell’abbandono da parte dei Gennaro Tommasinocittadini e delle istituzioni. Gennaro Tommasino è un cittadino partenopeo che ha deciso di seguire il linguaggio dell’amore per la sua città: in qualità di titolare del Ristorante Pizzeria Bellini in Via Costantinopoli 80 a Napoli, nell’incrocio di Port’Alba con Via San Sebastiano, ha a due passi Piazza Bellini e nell’omonimo slargo del suddetto locale si possono ancora ammirare le mura greche del capoluogo campano.

In antichità le mura erano un circuito difensivo fondamentale per le città, ne delineavano il perimetro. Scavi archeologici hanno permesso nel 1954 la scoperta dei resti delle mura presenti in Piazza Bellini che secondo gli studiosi sono state costruite nel V secolo a.C.. Oggi, la piazza è cuore della movida del Centro Storico e spesso fin troppi passanti rendono questo tesoro culturale una vera discarica a cielo aperto. “Specialmente dopo il week-end – spiega Gennaro Tommasino – è possibile affacciarsi alla ringhiera che costeggia il reperto archeologico e osservare come all’interno dei quadrilateri delle antiche maura ci siano una quantità immensa di bottiglie, oggetti di plastica, carte e altri rifiuti. In qualità di ristoratore so bene che qui passano molti turisti – sottolinea – affascinati dal Centro Storico di Napoli e far vedere loro questo scempio è veramente vergognoso”.

Parallelamente alla volontà di offrire alla clientela un prodotto innovativo rispetto al menu classico e d’élite già presente nel locale, con lo scopo di dedicare un piatto a un monumento considerato importante per vicinanza e sincera ammirazione ma soprattutto di sensibilizzare IMG_4910l’opinione pubblica, tra i tavoli del Ristorante Pizzeria Bellini è stata ideata la Pizza Mura Greche. Tale golosa pizza è di forma quadrata per richiamare la piazza: ha quattro ripieni differenti ai quattro lati e al centro, in onore della statua del compositore italiano Vincenzo Bellini, un piccolo ripieno di ricotta e melanzane ornato nel gusto come una piccola margherita, a sua volta circondata da pomodorini gialli e rossi. Dopo averla pubblicizzata tra i clienti direttamente nel locale e attraverso i social, questa pizza “è già un successo – continua Gennaro Tommasino – ed è sempre più richiesta. La nostra speranza è sensibilizzare i giovani e le istituzioni affinché le mura di Piazza Bellini non siano trattate da bidone dell’immondizia a cielo aperto e abbandonate nell'incuria totale, se c’è qualcosa di più che noi cittadini e imprenditori possiamo fare –  conclude – saremo ben lieti di agire per il bene dei nostri monumenti”

Il Ristorante Bellini di Napoli festeggia i 70 anni di attività

di Emilia Sensale 

70anniBellinilocandinaufficialeNAPOLI – Sabato 7 maggio 2016 il Ristorante-Pizzeria Bellini di Napoli festeggia i suoi settanta anni di storia. Il locale è ubicato in Via Costantinopoli 80, all’angolo di Port’Alba con Via San Sebastiano (a pochi passi dall’omonima Piazza Bellini e dal Conservatorio San Pietro a Majella), dove accoglierà nelle sue due solari sale interne e ai tavoli all’esterno, con la cordialità di sempre contraddistinta da un clima di autentica festa, tutti i clienti affezionati e i turisti che a pranzo e a cena vorranno come sempre assaggiare le sue prelibatezze tra cucina classica e pizzeria. Per l’occasione, ogni partecipante sarà omaggiato con il dolce speciale preparato per festeggiare il traguardo e con un particolare souvenir a ricordo della giornata che fino a sabato sarà una sorpresa.

Il Centro Storico partenopeo si prepara dunque a fare da cornice a un evento a lungo atteso e promosso dai componenti della famiglia Tommasino, attenti imprenditori col gusto per le antiche tradizioni ma senza tralasciare la possibilità di rinnovare sempre il proprio lavoro tramite gli aspetti più moderni, concentrandosi da un po’ di tempo ad esempio sull’attività promozionale su social. Il ristorante, infatti, propone piatti della tradizione gastronomica IMG_1424napoletana e in generale della cucina mediterranea con la stessa qualità nei prodotti e cortesia che ha caratterizzato i suoi sette decenni di storia, come il glorioso cartoccio di linguine e frutti di mare (vero fiore all’occhiello del locale), il risotto alla pescatora o gli scialatielli con pesce spada e cozze e zucchine, senza dimenticare i ricchi antipasti terra e mare e i secondi di pesce e di carne o le particolari composizioni di frutta partoriti dalla geniale fantasia del suo dinamico staff. Vi è poi la possibilità di gustare l’ottima pizza verace del Bellini, caratterizzata da cornicione gonfio e un impasto leggero con più di dieci ore di lievitazione, con un ampio elenco di gusti che arricchiscono la classica margherita e marinara e anche con un menu d’élite che propone otto pizze dal sapore particolare.

Il Ristorante-Pizzeria Bellini è aperto a pranzo dal lunedì alla domenica dalle ore 12,30 alle 16,30 e a cena dal lunedì al sabato (domenica sera è chiuso) dalle ore 19 alle 00.30. Prezzo medio della carta a persona (antipasto + portata principale e dessert, bevande escluse): 25 euro. Pagamenti con le più moderne possibilità, accesso disabili, animali ammessi, locali climatizzati, conoscenza delle lingue straniere e accesso Wi-Fi per i clienti. 

Presentato in conferenza stampa il social network partenopeo Visitami.net

CIMG6721 - CopiaNAPOLI – Innovativo, senza perdere i connotati della tradizione internauta. Piattaforma di social networking, ma anche opportunità per navigare nell’universo dell’e-commerce. Rivolto al futuro e con la speranza che possa essere conosciuto in tutto il mondo, ma con le radici ben salde all’ombra del Vesuvio, dove è nato e dove sta già facendo parlare molto di sé. Queste e tante altre parole possono essere usate per descrivere Visitami.net, progetto rigorosamente ‘made in Naples’ ideato e promosso da tre ragazzi campani poco più che 20enni, vale a dire il grafico pubblicitario e web-designer partenopeo Michele De Luca e Raffaele Serrapiglio e Marco Fiorenzo quali progettisti della struttura informatica, affiancati dal prezioso lavoro del consulente amministrativo Domenico Fimiani.

L’evento – Il progetto è stato presentato in conferenza stampa nella serata di giovedì 27 marzo 2014 presso ‘Le Chic Grill’ alla Riviera di Chiaia. Alla presenza di giornalisti e curiosi, i tre ragazzi hanno elencato le caratteristiche di Visitami.net, che si propone all’utente “con la tipica forma di social network – spiegano univocamente – attraverso il quale è possibile condividere le proprie emozioni, tra parole e immagini e molto altro, ma è anche possibile per il singolo professionista o per un’azienda promuovere una propria attività”. Un’opportunità chiara già al momento della registrazione gratuita e guidata passo dopo passo, dove è possibile scegliere tra il profilo standard e l’Utente Professional. Tanti sono poi i vantaggi della nuova piattaforma, realizzata con i più moderni linguaggi di programmazione (Css3, Javascript, Html5, Php), per “portare sul mercato mondiale – continuano i ragazzi – la firma italiana nel commercio elettronico e del social networking come, solo per citare alcune delle possibilità, i vantaggi della prenotazione con acconto, il coupon personalizzato per chi desidera proporre la vendita di un prodotto o di un servizio e può così stabilirne tempo e condizioni, nonché il pagamento simultaneo con PayPal, il servizio bancario multimediale più conosciuto e sicuro al mondo”.

Prospettive – Tante sono poi le aspettative dei giovani partenopei che vogliono promuovere Visitami.net, legate “alla soddisfazione – chiosano – di poter far conoscere al mondo del web un nostro progetto, dai tratti esclusivi e nato proprio in territorio napoletano”. Parallelamente alla crescita del social network, che può già contare migliaia di iscritti, Michele e Marco e Raffaele si augurano “che la comunità possa credere nel progetto, che può valere veramente tanto nel tempo sia in termini di servizi offerti sia in termini di opportunità, ma ci auguriamo che sia la stessa comunità partenopea a crederci per prima, il tutto nella prospettiva – concludono – di poter dare un giorno possibilità di lavoro a giovani come noi in un’era in cui il web è luogo di lavoro per tanti”.

 

Per informazioni

Emilia Sensale e Antonino Fiorino

Giornalisti – Ufficio Stampa team Visitami.net

www.EmiliaSensale.it

emiliantonino@libero.it

emiliasensale@emiliasensale.it 

Instagram