Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

aprile: 2018
L M M G V S D
« mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Tag

Archivio della categoria 'Notizie'

Pasqua 2018, l’uovo gigante di Gay-Odin è dedicato a Napoli come ‘Capitale della speranza’

Per la Pasqua 2018 è dedicato alla speranza l'uovo gigante prodotto dalla storica fabbrica di cioccolato Gay-Odin. La grandiosa opera di cioccolato che pesa decine e decine di chili è stata presentata alla stampa nella mattinata di sabato 24 marzo alla presenza, tra gli altri, dell'Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli Alessandra Clemente. Sull'uovo, come ricorda l'amministratore Gay-Odin Marisa Del Vecchio, "è raffigurato il paesaggio col Vesuvio con delle nuvolette che mostrano scritte come ‘città pulita’, ‘aria e cibo di qualità’, ‘dignità del lavoro per tutti’ e molte altre" e dal vulcano escono dei palloni, "simbolo – spiega Luigi Porcelli, coordinatore 'Momenti Azzurri' – della speranza dei tifosi nello scudetto del Napoli". 

 

I funerali a Napoli di padre Massimo Rastrelli, protagonista della lotta all’usura

Sono stati celebrati nella mattinata di venerdì 2 marzo 2018, presso la Chiesa del Gesù Nuovo in Piazza del Gesù a Napoli, i funerali di padre Massimo Rastrelli, gesuita, protagonista della lotta all’usura. In tantissimi hanno affollato la chiesa mostrando grande commozione in ricordo di un sacerdote che per molti anni ha servito numerose famiglie indebitate e strozzate dall’usura. Padre Rastrelli nel 1991 diede vita alla prima Fondazione antiusura ‘San Giuseppe Moscati’ e il suo operato ha permesso la nascita della Consulta nazionale Antiusura. La Fondazione di Napoli è ubicata in Via San Sebastiano 48 e maggiori informazioni sono disponibili sul sito antiusuramoscati.it. 

La Befana dei migranti in Duomo col Cardinale Sepe, MCL dona giocattoli ai bambini

Epifania nel segno della solidarietà per l'Arcivescovo di Napoli, il Cardinale Crescenzio Sepe. In tanti hanno partecipato alla Santa Messa nella mattinata di sabato 6 gennaio 2018 nel Duomo di Napoli, contraddistinta da volti provenienti da ogni parte del mondo e anche da canti e balli in lingue diverse. Dopo la Santa Messa, il Cardinale Sepe ha rivolto gli auguri in varie lingue e ha aperto la distribuzione dei giocattoli per centinaia di bambini delle comunità degli immigrati che vivono in città, organizzata dal Presidente provinciale di MCL – Movimento Cristiano Lavoratori Michele Cutolo. 

 

#CUOREDINAPOLI a Porta Capuana è spento, Capocelli: “Importante progetto dell’Accademia di Belle Arti, deve tornare a pulsare”

NAPOLI – È un cuore che non batte più da alcune settimane quello grande, rosso e pixellato installato al di sopra di Porta Capuana: è il #CUOREDINAPOLI, il progetto ideato e realizzato dal corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Cuore di Napoli Porta CapuanaArti di Napoli. L’installazione ha visto la collaborazione della IV Municipalità, di alcune associazioni e di privati che agiscono sul territorio ma soprattutto è stata contraddistinta dalla partecipazione e dall’entusiasmo dei numerosi studenti del suddetto corso e della popolazione napoletana.

Il progetto – Tutti sicuramente hanno notato negli anni il simbolo del #CUOREDINAPOLI per il territorio partenopeo: sulle vetrine dei negozi, al rosso di alcuni semafori, all’insegna che pulsa all’esterno di una nota pizzeria in Via dei Tribunali. Il progetto si basa sull’idea che qualsiasi espressione debba costruire un flusso relazionale generato dal coinvolgimento delle persone. L’hashtag è stato usato decine di migliaia di volte sui social e il grande cuore di Porta Capuana batteva nel buio di una zona che è in rinascita. Porta Capuana, infatti, verrà restaurata ma soprattutto tutto il quartiere ha accolto con grande piacere l’iniziativa, promossa lo scorso 13 maggio dagli studenti di NTA che da quando hanno saputo la notizia hanno messo in moto slogan come ‘fate battere il #CUOREDINAPOLI’ e non hanno nascosto la loro amarezza per la decisione.

Il commento – A rendere pubblica sui social la notizia è stato l’Assessore alla Mobilità e al Turismo della IV Municipalità Stefano Maria Capocelli, il quale ha annunciato che “da qualche settimana un dirigente del Comune di Napoli ha staccato la spina del #CUOREDINAPOLI, facendo seguito alla nota della Corte dei Conti che impone all’Ente i tagli alle spese non essenziali, parliamo di due led a basso consumo”. L’Assessore tiene a sottolineare che “non stiamo parlando di una mera scultura luminosa ma di un simbolo di rinascita e appartenenza, legato a un progetto portato avanti da giovani entusiasti e orgogliosi della loro terra e delle sue tradizioni, che è riuscito a collegare e unire persone che vivono in uno stesso quartiere e che magari prima dell’evento non si conoscevano e non interagivano tra loro”. Attraverso l’Assessore Ciro Borriello è stata presentata una richiesta per la riaccensione del grande cuore, “fosse solo – continua Capocelli – per il rispetto e la gratitudine che dobbiamo all’Accademia, che ha investito non pochi fondi in questo progetto. Ci tengo a sottolineare la sostanziale differenza che c’è tra la parte tecnica del Comune, che con i suoi dirigenti è poco sensibile a queste cose e applica alla lettera dispositivi del genere, e la parte politica, specie – conclude – quella della Municipalità che capisce quanto un simbolo del genere sia ormai sentito dai cittadini”.

Emilia Sensale 

Instagram