Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

agosto: 2018
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Tag

Archivio della categoria 'Campania Food Porn'

Il Ministeriale della Pasticceria Scaturchio, Napoli

Articolo pubblicato su campaniafoodporn.it

Nella vita tra le varie cose è importante avere spirito di conservazione, in altre parole la capacità di resistere corpo e anima al trascorrere inesorabile del tempo, l’abilità di non lasciarsi rovinare e scalfire dagli agenti esterni. È difficile riuscirci, specialmente se si è così sensibili da assorbire tutto ciò che accade. C’è qualcosa che è meravigliosamente dolce e delicato e ha tra le sue caratteristiche la capacità di conservarsi a lungo: è il Ministeriale di Scaturchio.

Il Ministeriale di Scaturchio è un ottimo compagno in una passeggiata lungo le affascinanti strade del Centro Storico di Napoli. Esteticamente, è un cioccolatino che si presenta nella forma di un medaglione e nella pasticceria in Piazza San Domenico è possibile trovarlo nella dimensione classica e mignon. Morso dopo morso IMG_3144-Copia-740x444è un vero viaggio dei sensi: l’esterno è un sottile strato di cioccolato fondente con al di sopra l’incisione col nome, mentre all’interno c’è una golosa crema al liquore. In realtà, la sua ricetta è ancora oggi un segreto e quel che è certo è che la crema risulterebbe composta tra le varie cose da ricotta e nocciola. È delicato come dolce il Ministeriale, eppure come dicevamo è capace di conservarsi a lungo senza l’aggiunta di alcun additivo. 

Il Ministeriale fa parte dei dolci della tradizione napoletana e ha una sua particolare storia. Questa prelibatezza nacque nei primi decenni del Novecento: fu un omaggio del pasticciere ad Anna Fougez, bellissima cantante e attrice italiana. Fu la prima a portare sul palcoscenico le piume di struzzo, lì dove mostrava le sue meravigliose gambe e le maestose acconciature e i ricchi gioielli, una donna che era l’espressione dell’eleganza, una vera sciantosa (termine che è una storpiatura della lingua napoletana della parola francese chanteuse, ‘cantante’). Col tempo, il Ministeriale piacque così tanto che il pasticciere decise di proteggere la sua creazione: fu richiesto di inserirlo tra i dolci di corte, ma l’iter burocratico fu incredibilmente lungo e tortuoso e i permessi passarono da ministero a ministero, una vicenda che ispirò poi il nome di questa prelibatezza che ancora oggi piace tantissimo ai cittadini napoletani e ai tanti turisti che affollano le strade del Centro Storico partenopeo. 

La Cuoca De…pressa – La ricetta del sartù di riso

Articolo pubblicato su campaniafoodporn.it

Quando mi si chiede il piatto che preferisco preparare, rispondo sempre che è il sartù di riso. Ricordo con quanta gioia da piccola mangiavo questa bontà preparata da mia madre, che lo proponeva con pochi IMG_3224-740x444ingredienti: non dovevano mancare la salsiccia, le uova sode (che io da bambina detestavo e puntualmente lasciavo nel suo piatto, crescendo ho imparato ad apprezzarle) e la provola. Io crescendo ho seguito la sua ricetta ma ho preferito proporre un sartù leggermente più ricco dove ci sono i piselli. Non deve mancare comunque un ingrediente essenziale: il pangrattato. È lui che non fa attaccare il riso al ruoto e io sono solita usare il pangrattato sia alla base sia all’esterno.

Napoli ha avuto all’inizio un rapporto col riso contraddistinto da poco entusiasmo: quando arrivò dalle terre asiatiche all’ombra del Vesuvio non conquistò in chissà che modo il popolo partenopeo, che col tempo preferì la pasta. Fu compito dei Monzù, termine napoletano dal francese ‘Monsieur’ che indicava i cuochi professionisti, per lo più stranieri d’Oltralpe, a proporre il riso portando avanti una scelta semplice che si è rivelata vincente: arricchirlo con tanti prodotti. Ragù, pezzettini di carne, piselli, uova sode e polpettine si unirono al riso e così nacque il sartù, un piatto che ha nomi di origini francesi: ‘sar-tout’, vale a dire ‘sopra-tutto’ e indicava secondo un’ipotesi la ricchezza di ingredienti al suo interno.

Ingredienti

1lt di passata di pomodoro

3 salsicce

450 gr di riso

150 gr di parmigiano

3 uova sode

250gr di piselli

2 cipolle

1lt di brodo

250gr di provola

Sale e pepe

Olio EVO

Pangrattato

Polpettine (preparate con 200gr di carne tritata, 1 uovo, 30gr di parmigiano e un po’ di pane bagnato nell’acqua e strizzato) 

 

Far soffriggere mezza cipolla e far rosolare le salsicce. Aggiungere la passata di pomodoro e cuocere a fuoco lento per un’ora e mezza. Nel frattempo, in una pentolina far bollire le uova, in un’altra padella far soffriggere mezza cipolla e aggiungere i piselli e preparare le polpettine mescolando insieme gli ingredienti e friggerle. Quando tutto sarà pronto, mettere da parte e far soffriggere una cipolla, aggiungere il riso per farlo tostare nell’olio, aggiungere il brodo bollente. Quando il brodo risulterà assorbito, aggiungere il sugo di pomodoro mettendo da parte le salsicce tagliate a dischi e lasciar cuocere sul fuoco per una decina di minuti, mescolando. Aggiungere metà del parmigiano.

La forma del ruoto è solitamente a ciambella o circolare, imburrare completamente lo stampo e cospargere con pangrattato. Spalmare un primo strato di riso, facendo attenzione a creare una sorta di tunnel al centro stendendo il riso ai bordi se usate uno stampo a forma di ciambella; importante è evitare di spostare il riso durante la preparazione, così da evitare di rovinare lo strato di pangrattato essenziale affinché il sartù non si attacchi alla parete del ruoto. Inserire gli ingredienti al centro e coprire con il restante riso, schiacciare con un mestolo dolcemente per compattare il tutto e cospargere la superficie con del pangrattato, il restante parmigiano e dei riccioli di burro. Infornare a 180° per 30 minuti. 

La Cuoca De…pressa – Il procedimento per ottenere un’ottima cottura del ceci

Articolo pubblicato su campaniafoodporn.it

Qualcuno potrebbe restare interdetto nel leggere il titolo di questa ricetta, eppure cucinare i ceci non è affatto facile: richiede un lungo procedimento, abbastanza elaborato, ed è per questo che ho deciso di P_20171206_132421-740x444snocciolare un po’ dei cosiddetti ‘trucchi della nonna’ affinché rimangano morbidi e non sfatti, piccoli grandi accorgimenti per una cottura ottimale.

ceci sono dei legumi conosciuti già tanti secoli fa tra le antiche popolazioni: provenienti probabilmente dal territorio della Turchia, erano molto apprezzati dagli Egizi, dai Greci e dai Romani. Ricchi di proteine, i ceci presentano sali minerali quali calcio, fosforo e potassio, contengono vitamina A e vitamine del gruppo B e sono al terzo posto nella produzione mondiale di legumi, sul podio dopo soia e fagioli. I ceci sono buoni e si prestano a molte ricette, squisiti da mangiare anche semplicemente con il cucchiaio alla mano e un filo di buon olio EVO, senza aggiungere altro.

Usare i ceci precotti che possiamo trovare nei supermercato, venduti in barattolo o in lattina, è semplice: basta scolarli dell’acqua presente all’interno della confezione, sciacquarli poco senza essere troppo aggressivi, procedere con la cottura, aggiungendoli magari direttamente alle preparazioni. Diverso è il discorso per i ceci secchi, ecco alcuni suggerimenti.

La prima cosa da fare è lavare i ceci e metterli poi in una grande ciotola con nuova acqua a temperatura ambiente. L’ammollo è la parte più importante del procedimento: consiglio una durata che va tra le dodici e le quattordici ore, con la superficie dell’acqua che deve superare la quantità dei ceci. In tutte queste ore l’acqua va cambiata un paio di volte. Usare uno scolapasta per togliere l’acqua, sciacquarli ulteriormente e preparare una pentola alta per la cottura, che deve essere lunga e a fiamma dolce. In realtà, è consigliabile l’uso del coccio perché permette questa cottura evitando sbalzi di temperatura.

Abbondante acqua fredda, non salare, un rametto di rosmarino: cuocere così i ceci, a lungo, ribadisco a fiamma bassa. Mescolare ogni tanto con un grande cucchiaio di legno. Aggiungere un po’ di prezzemolo. È importante aggiungere il sale solo alla fine perché il sale tende a indurire i legumi. Consiglio di controllare la cottura: ci può volere un minimo di un’ora o molto di più, dipende dalla qualità dei legumi. Al momento di mangiarli a tavola, se si preferisce assaggiarli così come li preparo spesso per me, vale a dire semplicemente con un filo di olio, si può aggiungere un po’ di succo di limone a fresco sul piatto. Non c’è bisogno di storcere il naso, anzi, è un ottimo suggerimento: i ceci contengono ferro e per assorbirlo bene è consigliabile accompagnarlo con la vitamina C ed è un buonissimo accostamento. 

Visita all’Antica Forneria Molettieri a Napoli

Articolo pubblicato su campaniafoodporn.it

CLICCA QUI per vedere tutte le foto

Il mare è uno degli emblemi più chiari della vita: trascina tra le alte onde grandi paure quando è in tempesta nella cornice di un cielo scuro, permette di andare lontano quando è calmo, verso l’orizzonte scelto. Il mare ci ricorda che spesso il viaggio è più importante della meta, evidenzia la forza necessaria per affrontarlo da solo o sottolinea la fortuna di poter navigare in buona compagnia, quelle presenze con le quali condividere la bellezza di un panorama e le imprescindibili difficoltà per raggiungere un traguardo.

In alcuni tratti del Corso Vittorio Emanuele, a Napoli, il mare si fa ammirare: sembra così vicino che quasi si può toccare e al tempo stesso si lascia ammirare in lontananza, felice di lasciarsi accarezzare da uno sguardo Molettieri 4tangibile che dalle onde si rivolge poi alle morbide linee del Vesuvio e della città partenopea. Si cammina e a tratti il mare si nasconde dietro alcuni edifici per poi riapparire. È una visione romantica che accende le speranze e riporta malinconicamente dal cuore alla mente ricordi e delusioni, perché capita anche che l’immensità del mare è visibile negli occhi di chi amiamo, ma accade pure che quell’acqua non risulta un luogo limpido dove poter nuotare ma una torbida realtà che vuole solo affogarti. Camminando poi per il Corso Vittorio Emanuele il mare sembra scomparire e lascia spazio alla strada, fatta di asfalto e negozi e case. E dal profumo del mare si passa al profumo del buon pane, quello dell’Antica Forneria Molettieri

È difficile trovare i termini adatti per descrivere la famiglia Molettieri perché forse non esistono parole così belle come i loro cuore e i loro sorrisi. Sono numerosi fratelli e sorelle che hanno fatto della panificazione la loro ragione di vita, in tante modalità e con grande passione, tra tradizione e innovazione. Ti abbracciano con lo sguardo prima ancora che col corpo e ti fanno sentire parte della loro famiglia, con un’allegria che accarezza la grande fatica del portare avanti tutti i giorni un’attività che offre tante cose buone, dedicandosi ognuno alla IMG_2961 - Copiapropria specialità e al tempo stesso dimostrando di essere una squadra pronta ad affrontare ogni esigenza, tutti insieme. Il maestro fornaio Rodolfo Molettieri è un uomo buono come il suo pane, con un sorriso aperto e tanto entusiasmo, e la sua storia è strettamente legata alla sua famiglia. Era piccolo quando ammirava il padre che con dedizione si recava ogni notte a lavorare al forno e decise un bel giorno di seguirlo: si addormentò mentre il padre lavorava, ma osservandolo imparò molte cose e fu l’inizio della sua passione per il pane. Ed è meraviglioso osservare Rodolfo mentre lavora il pane con le mani e parla tantissimo e con passione delle sue idee: è un uomo che è egli stesso un mare da navigare, ama la tradizione ma è anche un innovatore e progetta e realizza tanti tipi di pane con ingredienti di qualità e sapori nuovi. 

Effettuare un’incursione presso l’Antica Forneria Molettieri per gli auguri a ridosso delle festività natalizie è un’esperienza meravigliosa. Si è circondati dai loro panettoni, soffici e buoni, e ogni entrata e uscita dal forno è seguita con competenza e dedizione. La superficie dorata dei panettoni è accarezzata da uno sguardo Molettieri 5d’amore e la cottura è controllata con passione, fino alla soddisfazione per il risultato finale. Oltre al classico, tanti golosi gusti sono a disposizione: c’è ad esempio il trionfo del cioccolato, come il panettone ricoperto con scaglie di cioccolato bianco e con pezzi di cioccolato all’interno. E non può mancare la pastiera, dolce solitamente dedicato alla Pasqua ma che da tempo è una gradita presenza sulle tavole delle festività natalizie. Oltre alla ricetta classica, Rodolfo si è impegnato per promuovere anche in questo dolce l’uso di un grano che da tempo fa parte degli ingredienti del suo pane: è nata così la pastiera al Tritordeum, presente proprio a chicchi nel cremoso cuore del dolce. Il Tritordeumha molte caratteristiche benefiche per la salute, presenta ad esempio un basso contenuto di glutine e ha più proteine e meno carboidrati, e fa parte della volontà di Rodolfo Molettieri di proporre pane e dolci buoni e genuini, senza conservanti ma con ingredienti naturali e di qualità, dove l’innovazione è semplicemente frutto dell’amore per i clienti e per il cibo. 

Instagram