Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« ott   dic »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Tag

Nuova degustazione da Babette con tre birre artigianali campane del Birrificio VentiTRÈ

Articolo pubblicato su campanifoodporn.it

CLICCA QUI per vedere tutte le foto 

Le degustazioni sono momenti davvero belli da vivere. Estimatori di un determinato piatto o di un locale ed esperti del settore si incrociano e si confrontano in un evento, scoprendo nuovi sapori o ritrovando quel gusto Babette_01tanto amato. Il clima di allegra convivialità è caratterizzato dalla possibilità di conoscere nuove cose, realtà con la loro storia e le loro tradizioni, qualità fino a quel momento sconosciute. E nella serata di martedì 14 novembre 2017 è accaduto proprio tutto questo grazie al ritorno delle serate di degustazione organizzate presso Babette, a Fuorigrotta. 

L’evento è stato contraddistinto dalla tripla proposta di birre artigianali campane firmate dal Birrificio VentiTRÈ, ognuna delle quali ha accompagnato un piatto. Il Birrificio VentiTRÈ è una realtà di Grottaminarda, in provincia di Avellino, con un ciclo produttivo che utilizza fonti energetiche naturali e rinnovabili grazie a un impianto fotovoltaico, all’uso del metano e al recupero delle trebbie, vale a dire il residuo dell’estrazione a caldo del cereale maltato, valorizzate come concime e come alimento per il bestiame. Il nome del Birrificio è legato alla sua nascita, il 23 luglio: un simpatico IMG_2467omaggio anche al civico della laboratorio di produzione e al numero dei litri del volume della prima cotta, come hanno ricordato i proprietari Jenni e Guido durante la serata che ha visto la conduzione di Alfio Ferlito, ideatore di beerpassion.it, impegnato a girare tra i vari tavoli per raccogliere le opinioni dei numerosi partecipanti. 

La degustazione si è aperta con un piatto davvero sfizioso esteticamente e al palato e con una birra dal colore chiaro. Gli anelli fritti di pollo e bacon erano incorniciati da patatine fritte tagliate in cucina dalla forma adatta per catturare le due salse da accompagnamento: la prima, bianca, è la salsa ranch che ha tra gli ingredienti aglio, maionese, senape e spezie, la seconda è invece la ‘salsa pizzicosa’ con peperonata piccante calabrese stemperata con la maionese. Ad accompagnare gli anelli fritti c’era ESPERIA, una birra con un grado alcolico non alto (4,5%) dal sapore leggero e al tempo stesso decisamente inconfondibile grazie alla sua anima leggermente speziata con un poco di pepe rosa e arancia amara e il tutto è risultato un ottimo abbinamento. 
Secondo step gustosissimo: è arrivata a tavola in tutto il suo splendore la Babette Pita, un pane tondo e piatto tipico della Grecia presentato piegato a semicerchio con all’interno in questo caso polpettine fritte, provola di Agerola e friarielli. Ad accompagnare questo ricco piatto c’era la birra AMBROSIA, caratterizzata da un alto contenuto alcolico (10%) e dal miele di castagno del territorio avellinese: un sapore decisamente forte, che arriva dritto al palato, una birra scura ottima da gustare anche come semplice bicchiere a far cornice a una serata solitaria o a una chiacchierata tra amici. 
A chiudere la serata un ottimo tiramisù con il corvino colore e l’abbondante schiuma della birra URANIA, scura proprio come il cielo al quale il nome si ispira. Con un grado alcolico medio (6%), questa è una birra da apprezzare a piccoli sorsi e con un sentore di caffè, cioccolato fondente e liquirizia. Il sentore vanigliato accentua i gusti dolci e smorza l’amaro. Un finale zuccheroso a degna chiusura di una serata davvero interessante, fatta di scoperte e confronto, con il ricordo della schiuma di tre ottime birre artigianali campane ancora sulle labbra. 

Scrivi un commento





Instagram