Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

novembre: 2015
L M M G V S D
« ott   dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Tag

Archivio del novembre 6th, 2015

Io che lancio il cuore in avanti senza nessun laccio per poterlo recuperare

EmiliaSensale ponchofioriNon sono una persona egocentrica, ma anche via social è capitato che abbia espresso un po' di me, vuoi un fatto accaduto, vuoi un pensiero, credendo di farlo come se effettuassi un viaggio di saggezza dentro me. Mi sono accadute varie cose negli ultimi tempi che mi hanno scosso così tanto da permettermi di avere consapevolezza di molte cose di me e le parole, da me tanto amate (pur preferendo l'importanza dei fatti), a detta di molti da me usate bene in scrittura, mi permettono di esprimermi in una dimensione parallela rispetto ai gesti. 
Ho capito in maniera definitiva che sono come sono e che è inutile che possa sperare di cambiare: affettuosa, di una premura che non è pioggia che bagna chiunque possa incontrare lungo il mio cammino ma diventa una cascata per chi riesce a entrarmi nel cuore; dolce e disponibile, rendendomi tale con chi magari sfrutta la mia presenza per poi voltarmi le spalle; romantica fino all'estremo nei miei sogni per il futuro e nella realtà di tutti i giorni; capace di mettere da parte l'orgoglio, ma quando sono davvero ferita e vedo ingiusto sangue scorrere dalla mia anima mi si perde inevitabilmente; passionale in ogni mia forma e condizione, in attesa di potermi esprimere davvero nel momento che sogno da una vita, attraverso ciò che non ho mai fatto. Ho avuto delusioni terribili, ho fatto scoperte sconvolgenti e nonostante ciò non sono cambiata, proprio non riesco. 
Ho capito, soprattutto, che so esprimermi e che non ho paura di farlo. In passato, non parlare come volevo al liceo e non riuscirci per una cotta o per risolvere qualche questione mi ha fatto soffrire moltissimo. Complice anche il mio mestiere di giornalista, sono anni che se devo dire una cosa la dico, che faccio di tutto per potermi difendere da sola essendo una ragazza sola, che se sento un sentimento lancio il cuore in avanti senza nessun laccio per poterlo recuperare e pazienza se me lo ritrovo infranto e ferito, l'ho fatto poche volte nella mia vita e sì, non sono stata molto fortunata, ma non smetterò di essere così. 
Non c'è nulla di male nel voler bene, è chi illude, delude, si fa attendere, maltratta e non è chiaro nel proprio comportamento che dovrebbe vergognarsi e attualmente fin troppe persone sono e fanno così. Non è egocentrismo, non è presunzione, è che credo di aver imparato a voler bene e ad amare, a cuore aperto, a viso pulito, senza nascondere nulla di me e della mia vita, imparando dai miei errori, senza capire davvero cosa significa avere una persona che, come me, in maniera autentica si sveglia la mattina sperando di trovare un mio messaggio, di essere entrata nei miei sogni, di rivedersi in un mio sorriso. Mi hanno voluto bene e amato chi ha avuto modo di avermi fra le braccia, ma non in maniera assoluta, c'era sempre qualcosa tra me e l'abbraccio. Non come spero di poter amare ed essere amata. 
E vaffanc*lo il mio coraggio di esprimermi. Ho un pensiero nel cuore che, nonostante il grande dolore recente, mi rende felice in questo periodo e spero non sia un'illusione. E se lo è saprò affrontarla. Ancora una volta. Ma spero non lo sia, ecco la differenza coi mille pensieri che affollano tutti i giorni la mia mente… perché c'è una meravigliosa e spaventosa differenza fra la paura di un'illusione e la speranza che quell'illusione non sia tale. 

 

Instagram