Emilia Sensale

Poetessa e Scrittrice, Artista, Giornalista, nata a Napoli il 12 marzo 1989, vive a Napoli dove studia all'Università 'L'Orientale' dopo essersi diplomata al Liceo Classico 'Vittorio Emanuele II'. Vincitrice di numerosi concorsi letterari nazionali ed internazionali, amante della fotografia, della pittura e dell'arte del ricamo e dell'uncinetto, attualmente collaboratore per il quotidiano ROMA e impegnata in Uffici Stampa e in Social Media Marketing, è anche giornalista enogastronomica e scrive per 'I Templari del Gusto', 'SaporiCondivisi', 'CampaniaChe' e 'Campania Food Porn', scrive poi per la versione cartacea e per la versione online di 'CasoriaDue' e su 'Gazzetta di Napoli'.

Site menu:

Categorie

Cerca nel sito

Profili di Emilia

Archivio

Calendario

settembre: 2014
L M M G V S D
« ago   ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Tag

Archivio del settembre 30th, 2014

LO CHEF GUIDA E IL MAESTRO PIZZAIOLO COCCIA IN UN PARTY RICCO DI GUSTOSE SORPRESE

di Antonino Fiorino

10408896_351047158392552_9058392198152357700_nMarina di Stabia – Un evento gastronomico in grande stile, dalle premesse interessanti e da un'evoluzione ricca di sorprese per il pubblico che, durante la serata di lunedì 29 Settembre, ha letteralmente preso d'assalto gli spazi del Yacht Club di Marina di Stabia in occasione dei primi vent'anni di attività dello chef stellato Peppe Guida e del maestro pizzaiolo Enzo Coccia. Tanta esperienza alle spalle e una carriera brillante che vede questi due eccelsi esponenti della ristorazione campana alle prese con traguardi importanti a conferma della loro innata passione per i valori della tradizione culinaria e a suggello della loro autentica sapienza nel campo della gastronomia ricca di prodotti di qualità. La scena è stata tutta per loro, protagonisti in tutto e per tutto assieme ai rispettivi staff della Pizzeria “La Notizia” di Enzo Coccia e dell' “Antica Osteria Nonna Rosa” di Peppe Guida. Il filo conduttore della serata è stato caratterizzato da tutta una serie di varie tipologie di pizza, cotta al forno e fritta, non solo per omaggiare il piatto napoletano per eccellenza in ogni sua sfumatura ma anche per proporre la qualità delle sue celebri versioni: montanare, ripieni, con la scarola, con friarielli e salsicce, con la ricotta apprezzando i veri sapori della tradizione, gli effetti di un certo modo di fare cucina. Un degno omaggio alla pizza, non a caso l'evento è stato intitolato “Attenti a quei due – Pizz@ pizze e p…” con una crescente curiosità che ha pervaso l'intero svolgimento e che solo alla fine è stata soddisfatta da parte dei diretti interessanti che hanno svelato il significato della terza “p”, ovvero panzarotto fritto con polpetta preparata, come esige tradizione, direttamente da Nonna Rosa.

10353700_351048201725781_200263999317845490_nTutti i presenti hanno potuto assaggiare una gustosa novità che ha riscontrato un unanime compiacimento, compreso quello degli ideatori, Peppe Guida e Enzo Coccia che, oltre a celebrare nel migliore dei modi l'importante traguardo personale, hanno dimostrato, da una parte, la bellezza di un'amicizia risalente e, dall'altra, la forza di un connubio gastronomico in grado di sprigionare talento e bontà per condividere questi valori con tutti i veri estimatori della buona cucina partenopea. Certamente è un punto d'arrivo, come spiegano i due protagonisti, ma fissato solo per spianare la strada a tante altre soddisfazioni personali e professionali perché l'impegno a mantenere alto il nome della vera cucina partenopea non è mai profuso abbastanza e necessita di continue dimostrazioni. Un intento non solo meramente celebrativo e mangereccio, ma si spinge oltre caricandosi di ben altri significati fino a toccare la sensibilizzazione per l'arte culinaria e la produzione artigianale delle eccellenze radicate endemicamente nel nostro territorio e celebri in tutto il mondo. 10469831_351049108392357_4957323259486637022_n

Altri contributi per il buon esito della serata sono stati assicurati dal Caseificio “Il Casolare” con i suoi eccellenti latticini tra la mozzarella di bufala campana dop e le ricottine, dall'Antica Distilleria Petrone con i suoi ormai proverbiali liquori, da Acqua Ferrarelle presente con la sua originale ape car, da E. Curti con il tradizionale nocillo, dalla Fattoria “La Rivolta” e dalla Cantina Tollo per i vini che hanno accompagnato piacevolmente le degustazioni.

La serata è volta al termine con l'intervento della giornalista enogastronomica Laura Gambacorta, ufficio stampa e portavoce dell'evento, che ha ringraziato tutti i partecipanti e i vari ospiti prima di passare alla selezione dei dolci culminata con una torta gigante a forma di pizza a cura dello staff dello Yacht Club di Peppe Guida affiancato dal giovane e talentuoso figlio Francesco.

 

 

 

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE NOSTRE 63 FOTO SULL'EVENTO

 

Instagram